“Il vaccino rende il virus più pericoloso!”, afferma il Dr. Robert Malone, inventore del vaccino mRNA. Ora e’ sotto protezione per minacce di morte. Pericolo di “suicidio”?

di Umberto Pascali.

Il dottor Malone, l’inventore dei vaccini mRNA, sostiene che gli sia stato consigliato di avvalersi di servizi di sicurezza privata a causa del rischio di essere assassinato per aver parlato della sicurezza dei vaccini Covid-19.

Robert W. Malone MD è stato il pioniere della trasfezione di RNA in vitro e anche della trasfezione di RNA in vivo negli embrioni di rana e nei topi, quando lavorava presso il Salk Institute tra il 1987 e il 1988. La ricerca di Malone è poi continuata alla Vical nel 1989, dove i primi esperimenti sui ratti sono stati progettati da lui. Il Dr. Malone ha portato avanti le sue ricerche sulla vaccinazione con mRNA durante gli anni ’90, culminate in un brevetto mucosale che è stato rilasciato nel 2000. Ha anche contribuito a rivoluzionare il campo dei liposomi cationici per l’uso nelle vaccinazioni a RNA, un lavoro che era molto in anticipo sui tempi.

Tuttavia, il dottor Malone non è d’accordo con il lancio degli attuali vaccini mRNA Covid-19 di Pfizer e Moderna ed è stato molto esplicito su di essi negli ultimi due mesi, sostenendo invece l’uso dell’Ivermectin. Malone dice che ha trascorso tutta la sua carriera cercando di sviluppare tecnologie fondamentali per i vaccini, sviluppando vaccini e progettando e gestendo studi sui vaccini. “I vaccini sono il mio lavoro. Non sono un no vax. Sono uno sviluppatore di vaccini pro-verità, pro-sicurezza, pro-bioetica. I vaccini salvano delle vite. Sono spesso, ma non sempre, la nostra migliore speranza per ridurre la morte e le malattie associate a molti agenti patogeni, e offrono una speranza per trattare il cancro e altre malattie”. Il dottore prosegue dicendo che tutti gli attuali vaccini anti-Covid in offerta sono vaccini basati sulla terapia genica. “Entrambi questi tipi di vaccini impiegano tecnologie che implicano il trasferimento di materiale genetico estraneo nelle cellule della persona che riceve il vaccino, e facendo sì che queste cellule diventino essenzialmente fabbriche in miniatura per la produzione di antigeni del vaccino – all’interno del corpo.”

“Perché questo è importante? Perché, dal mio punto di vista di persona che per prima ha avuto l’idea di usare la “terapia genica” e la “consegna di mRNA” per la vaccinazione, la “sostanza attiva del farmaco” non è il vettore della terapia genica, è la proteina che viene prodotta nelle vostre cellule.” “Quindi, dal punto di vista della regolamentazione, questi prodotti devono essere rivisti utilizzando i regolamenti applicati ai prodotti di “terapia genica” così come quelli che si applicano ai “vaccini”. Questi NON sono vaccini tradizionali. Pertanto, la FDA [Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, dipendente dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d’America, n.d.r.] avrebbe dovuto insistere che i livelli e la durata della produzione della proteina spike avrebbero dovuto essere ben caratterizzati”.

Sono dichiarazioni come questa che hanno portato Malone a sentirsi dire da un giornalista esperto che ha bisogno di avvalersi di servizi di sicurezza perché è a rischio di essere assassinato. Malone lo ha riportato su Twitter il 18 luglio 2021.
Poi appena quarantacinque minuti dopo Malone ha sentito il bisogno di dichiarare che non è un suicida:
Big Pharma starebbe certamente meglio se potesse impedire al dottor Malone di fare altro rumore sui suoi prodotti. All’inizio del 2020 Moderna valeva 5 miliardi di dollari, ora vale più di 100 miliardi di dollari grazie all’approvazione d’emergenza del suo vaccino Covid-19 mRNA negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *